Tu sei qui

Viaggio a Budapest classi 5BSC-5ASS-5BSS-5ATS-4EAN

Contenuto in: 
Il nostro viaggio inizia il 2 aprile alle 6 di mattina davanti al cancello della scuola.
Un po’ di sonno residuo ma l’euforia è grande. Una volta partiti ci fermiamo dopo due ore all’altezza di Padova dove cambiamo l’autista, che rimarrà con noi tutti i cinque giorni.
Una volta raggiunta la Slovenia, come benvenuto veniamo intercettati dalla guardia di finanza che ci tiene fermi per oltre mezz’ora.
Ripartiti, dopo aver fatto qualche sosta in autogrill arriviamo finalmente in hotel.
Ci aspetta la sistemazion
e nelle camere e una raffinata cenetta – io c’ero.
Il secondo giorno inizia con la visita della sinagoga, un edificio originario del 1300 che vanta di essere la più grande in Europa.
Qui ci viene raccontata la sua storia, le attività non solo religiose ma anche sociali che si svolgevano al suo interno. Usciti dalla sinagoga, ci conducono nel suo giardino che è un memoriale sullo sterminio ebraico durante la seconda guerra mondiale.
Una volta finita la visita, pranzo libero Mc Donald’s style, dopo di che ci spostiamo alla Terror House. Oggi è un museo visitabile ma fino a poco tempo fa era il quartier generale, prima dei nazisti ungheresi e poi dei comunisti sovietici.
Un luogo imponente all’esterno, terrorizzante al suo interno. Chi vi veniva condotto rischiava di non uscirne vivo e di subire interrogatori e torture, costretto a rimanere in celle estreme buie e fredde, ora visitabili. I prigionieri venivano picchiati in una saletta apposta con attrezzi di ogni tipo.
C’era una cella per le impiccagioni e al piano di sopra la macchina con cui si veniva prelevati, oltre agli uffici dei funzionari di partito.
Il terzo giorno visitiamo la città con Peter, la guida del posto veramente fenomenale, laureato in letteratura italiana che conosce tutti i dialetti d’Italia. Ci porta in Piazza degli Eroi, nel castello all’interno della città, al Parlamento, al Tempio dei Pescatori e infi
ne in battello sul Danubio. E’ stata la giornata più intensa e senz’altro la più interessante. Completata da una deliziosa cenetta al nostro ristorantino – io c’ero.
Il quarto giorno la giornata inizia con la visita al mercato coperto di Budapest, molto caratteristico, che ricorda quello di Firenze. Dopo aver pranzato al suo inter
no siamo andati in giro per la città, alcuni al Rock Café a festeggiare compleanni, poi alle terme Gellert, che vantano di essere fra le più belle d’Europa. Costruite su due piani, internamente bellissime e ricche di mosaici, queste terme sono molto scenografiche. Poi all’albergo per passarvi l’ultima notte prima del rientro in patria. Ma prima una deliziosa cenetta al nostro ristorantino preferito.
L'ultimo giorno, perfettamente riposati e pronti per il rientro. Tappa intermedia a Lubiana, posto carino e fornito di McDonald’s e finalmente
ritorno a casa.

Arrivederci Budapest!
Matteo

Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.